Come tagliare il formaggio e presentarlo al meglio agli ospiti

Come tagliare il formaggio


Come tagliare il formaggio Salamino a fette con marmellata

Come tagliare il formaggio e presentarlo al meglio agli ospiti: consigli di stile

Il taglio del formaggio potrebbe sembrare un’operazione semplice, ma richiede una conoscenza approfondita della struttura e delle caratteristiche del formaggio stesso.

Solo in questo modo è possibile creare una presentazione a regola d’arte, in grado di stupire gli ospiti, e anche scegliere il modo migliore per conservarlo correttamente e a lungo.

Il Provolone Valpadana è un formaggio a pasta filata che presenta la maggior varietà di forme e pesi rispetto a tutti gli altri.

La plasticità della pasta, sua caratteristica in fase di lavorazione, consente ai nostri mastri casari di dilettarsi nel produrre forme dai pesi quanto mai vari.

Icona provolone forma a salame

SALAME

Icona Provolone forma a melone-pera

MELONE-PERA

Icona provolone forma tronco conica

TRONCO-CONICA

Icona provolone forma a fiaschetta

FIASCHETTA

Non è quindi solo la struttura stessa della pasta filata a essere determinante, ma anche la forma finale che il formaggio ha assunto.

Le forme

Le varianti a salame, a melone/pera, tronco conica, a fiaschetta richiedono un taglio diverso, che sia facile da eseguire e permetta di ottenere pezzi da cucinare o da servire in tavola.

Le dimensioni

Il peso del Provolone Valpadana varia da 0,5 kg fino a oltre 100 kg, per questo tagliare il formaggio sarà ovviamente molto diverso per una piccola forma, per la quale è possibile fare tranquillamente in casa, o una molto grande, che sarà invece affidata a un professionista.

Come tagliare il Provolone Valpadana D.O.P.

Il taglio del Provolone Valpadana varia quindi a seconda della foggia.

Per servire ad esempio una forma di Provolone Valpadana cilindrico taglia delle fette dello spessore di un centimetro o un centimetro e mezzo. Per un risultato migliore, fai a spicchi questa grossa “rondella”, adagiata su un tagliere in legno (possibilmente d’ulivo). Quanti spicchi? Dipende dal diametro, ma aggirati su una media di dodici.

Nel caso invece del Provolone Valpadana “a mandarino”, taglia dal formaggio uno spicchio (si possono seguire i solchi dove passa la corda). Una volta appoggiato sul tagliere di legno, affettalo in tanti triangoli da offrire ai tuoi invitati come spuntino.

Se non sai scegliere tra il Provolone dolce e quello piccante non preoccuparti: servi entrambi, rigorosamente accompagnati da buon pane e perché no, dal loro vino alleato.

Per tagliare il formaggio in tutta comodità ti consigliamo di utilizzare un coltello di grosse dimensioni ma non seghettato.

Una presentazione all’altezza del Provolone Valpadana è servirlo su un piatto di legno, nella sua forma migliore ovvero crudo. Ultimo ma non meno importante: servilo a temperatura ambiente e non appena tolto dal frigorifero.

Il taglio del formaggio Provolone a mandarino