Relazione del Presidente del Consorzio durante l'Assemblea dei Soci

20/03/2014

Signori Soci,
con una punta di emozione mi accingo a celebrare quest’assemblea, che mi vede giungere allo scadere del mio mandato.
Non sono stati anni facili, ma sono certo di aver messo tutto il mio impegno per garantire al Consorzio la continuità che merita, cercando di incrementarne, nel limite delle mie possibilità, anche il prestigio.
Il 2013 è stato contrassegnato da una ulteriore riduzione produttiva, come vedremo più avanti con maggior dettaglio, ma ha anche segnato la volontà di tutti di vedere il Consorzio proporsi per un definitivo riposizionamento del nostro formaggio.
Non sono state lesinate, compatibilmente con le sempre più risicate risorse, attività di valorizzazione, nonché quelle rivolte alla collaborazione con altri Consorzi e ad una più assidua frequentazione delle istituzioni, che ha originato il cospicuo incremento del Provolone Valpadana D.O.P. agli enti caritativi.

Il Consorzio è stato presente negli appuntamenti di rilievo che hanno caratterizzato, ad esempio, il riconoscimento di ruolo e funzioni dei Consorzi stessi nella normativa comunitaria; ha promosso incontri di formazione per operatori di settore e per l’adeguamento dell’etichettatura; ha mantenuto costanti rapporti con il mondo della scuola e si è fatto promotore di eventi culturali di livello nazionale.
Lo scorso anno era iniziato affrontando una situazione di mercato (e relative giacenze) piuttosto pesante che, nel prosieguo dell’anno si è sempre più mitigata, suggerendo incrementi di prezzi che il mercato, sebbene talvolta con difficoltà, ha accolto. L’anno, poi, si è chiuso con i magazzini più leggeri e con prospettive meno negative.

I segnali che giungono ci consentono di poter prevedere per il 2014 possibili prospettive di sviluppo, in particolare per coloro che sono impegnati con i mercati esteri.
Il Consorzio ha partecipato, anche recentemente, a specifici programmi per lo sviluppo di nuovi mercati e, ritengo, che sia importante proseguire su questa strada, condividendo, con soci ed istituzioni, un percorso comune che possa portare il Provolone Valpadana D.O.P. ad essere maggiormente presente a livello internazionale.

Senza dimenticare che l’ormai prossimo Expo 2015 porterà in Italia diversi milioni di stranieri, ai quali non dovremo far mancare il nostro formaggio.
Prima di trattare più compiutamente gli argomenti che, da sempre, contraddistinguono la relazione all’Assemblea, rivolgo un augurio a chi proseguirà nel ruolo di Presidente che troverà, nel sottoscritto, se necessario, un incondizionato aiuto.

Scarica la Relazione del Presidente in formato pdf.
Condividi su: facebook share twitter share google+ share pinterest share

Comunicati stampa

Il Provolone Valpadana D.O.P. nella terra del flamenco – inziative promozionali e informative nei principali ristoranti di Siviglia

Cremona, 14 giugno 2007 - Il Provolone Valpadana dop, uno dei più popolari e apprezzati formaggi italiani, dopo la conquista dei consumatori a...

Il Provolone Valpadana alla conquista dell’est: sbarca in russia e ospita una troupe Indiana a Cremona

Il Consorzio Tutela Provolone Valpadana nell’ambito dei progetti di internazionalizzazione ha ospitato, dal 22 al 24 settembre, una troupe...
Omeganet - Internet Partner